Maria AUSILIATRICE

Maria AUSILIATRICE

sabato 25 novembre 2017

IT NOVENA IMMACOLATA 2017

Ambito Famiglia Salesiana

NOVENA dell’IMMACOLATA 2017
“Maria, Madre di Dio e della chiesa, è attivamente presente nella nostra vita e nella storia dell’Istituto”
(Cost. art. 44).
Proponiamo, partendo dalla prima casa dell’ America (Villa Colón), di preparare la festa dell'Immacolata lasciando che nel cuore vengano evocati tanti momenti importanti di amore verso Maria, vissuti dalle prime missionarie che hanno messo piede sul suolo americano in Uruguay, CON MARIA, A 140 ANNI . Le nostre prime sorelle sono riuscite a impregnare nei cuori americani l’amore per Maria. Per loro, Maria guidava la loro vita, è stata Maestra, Madre, Confidente, Lei  asciugò le lacrime di nostalgia ed incoraggiava ad andare avanti nella missione, in ogni momento.

Siamo invitate a confrontare queste esperienze dei primi tempi delle missionarie con la nostra devozione mariana di oggi e chiedere a Maria di aiutarci a non limitarci solo alla preghiera, ma a vivere l'ardore apostolico, nel quale ci impegniamo a trasmettere l’amore a Maria a tutte le persone intorno a noi, soprattutto i bambini e i giovani presenti nei nostri ambienti educativi.
PRIMO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI
La devozione a Maria nella prima comunità di Mornese, è un vero itinerario mariano. Senza mai perdere una profonda devozione a Maria Immacolata, si passò alla devozione alla Consolata e definitivamente alla devozione per Maria Ausiliatrice, vivendola e diffondendola da allora in poi con grande amore e venerazione. Ecco perché troviamo nella cronaca del Collegio di Mornese che, per terminare l'accusa che fu rivolta alle nuove suore di Don Bosco, di essere infedeli al primo impegno delle Figlie di Maria Immacolata, si disse che : Siamo Figlie Maria Ausiliatrice, non siamo meno Figlie dell'Immacolata, al contrario, la nostra formula dei voti si conclude con la bella invocazione: O María Vergine Immacolata, potente aiuto dei cristiani. Inoltre, chiudiamo le nostre pratiche di pietà con il "sia benedetta la Santa Immacolata Concezione".
Don Pestarino ci dice che in tutte le case salesiane la festa di Maria Immacolata è celebrata solennemente come María Ausiliatrice dei cristiani. Don Bosco non ci ha allontanato dalla nostra primitiva devozione, l’ha perfezionata. Ora siamo FMA perché amiamo Maria Immacolata. Lui ha unito le due devozioni nel chiamare la Vergine Immacolata a volte Ausiliatrice o Vergine Immacolata Ausiliatrice dei cristiani (Cf. Cronistoria Vol.1 p. 160).
CON MARIA OGGI
Quale impatto ha l’esperienza della festa dell’Immacolata a livello personale e della missione apostolica?
Ricordiamo e ringraziamo coloro che ci hanno insegnato ad amare a Maria.
Maria Immacolata: Prega per noi.

SECONDO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI
Prima che Don Costamagna lasci Mornese, era scomparso dalla cappella del Collegio il quadro di Maria Ausiliatrice, che don Pestarino aveva fatto benedire da Don Bosco per la sua amata cappella. Una delle prime riproduzione della Vergine a Valdocco.
Don Costamagna, prima di partire nella prima spedizione delle FMA, confida nell'immagine di Maria Ausiliatrice, a suor Teresa Mazzarello raccomanda di non darlo a nessuno e di custodirlo fino all’ arrivo sul suolo americano, di tenerlo come ricordo di Mornese. Le missionarie si rallegrano e custodiscono l'immagine come un tesoro prezioso. Di fronte a questa foto la prima FMA ha fatto i voti. (Cfr. Cronistoria Vol 2, pagina 145)
Questa immagine è conservata oggi nella "Sala de la Memoria" di Almagro, Buenos Aires, Argentina.

CON MARIA OGGI
Durante il giorno ci prepariamo personalmente a rinnovare la nostra consacrazione al Signore, pregando Maria per la nostra fedeltà. Ricordiamo in particolare le nostre sorelle missionarie, perché sia lei a guidarle, le accompagni e le sostenga in ogni momento, soprattutto nei momenti di difficoltà.
O María Immacolata Ausiliatrice dei cristiani: PREGA PER NOI.

TERZO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI
Novembre 1877. Le prime sei missionarie sono intorno a Madre Mazzarello ... questi sono gli ultimi momenti per stare con lei. In quel momento appare Don Cagliero con un'altra immagine. È una bella pittura su tela di Maria Ausiliatrice che tiene tra le braccia un divertente bambino sorridente. Dice con simpatia: "L’ ho rubata dalla sagrestia di Valdocco per voi". E ‘stato dipinto da un uomo che soffriva con la vista e stava per diventare cieco, si rivolse a Don Bosco che, dopo aver guidato per un attimo il pennello sulla tela, lo benedice. In quel momento riacquista la vista e gli dà il quadro della Vergine. È un quadro miracoloso. Dà gioia soltanto al vederlo. Don Bosco lo ha benedetto nuovamente e lo manda alle missionarie. Prendetelo e che la Vergine vi benedica in questo lungo viaggio. (Cfr  Crono Vol 2, p 146)
Questo dipinto si conserva oggi nella Cappella di Villa Colón, Montevideo, in Uruguay.
CON MARIA OGGI
Nella preghiera della mattina o della sera, presentiamo a Maria tanti bambini che hanno perso la gioia di vivere, che vagano per le strade senza avere alcuna persona di riferimento, che sono sfruttati fisicamente e affettivamente dagli adulti. Chiediamo a Maria di toccare i cuori di queste persone e lasciare che questi bambini trovino una "mano d'aiuto" che faccia vivere loro l’infanzia con dignità e speranza.
Personalmente e in comunità ci chiediamo: che cosa possiamo fare concretamente per i bambini con cui abbiamo contatti nelle nostre Case e che vivono in una situazione difficile?
Maria Immacolata Ausiliatrice: PREGHA PER I BAMBINI.

QUARTO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

14 novembre 1877: Don Bosco guarda la nave che si allontana dal porto, madre Mazzarello cerca di non piangere, Don Cagliero voleva dire qualcosa di scherzoso per sollevare gli spiriti, ma non ne è in grado.
All'improvviso arriva una onda sonora dal mare: è Don Costamagna che suona il pianoforte e il coro delle sei missionarie che cantano. "IO VOGLIO AMAR MARÍA" La canzone si perde in lontananza. È una memoria dolce perché quando Don Costamagna compose questa canzone in Mornese e la ripeteva e ripete, Madre Mazzarello le diceva: non solo Lei vuole amare alla Vergine, ma vogliamo anche noi amarla.

CON MARIA OGGI
Nei momenti difficili che ho dovuto vivere e non vedo la strada chiara: quale è stata la mia esperienza in relazione a Maria?
Come ho proposto alle altre persone che vengono a me in un momento di difficoltà, gli parlo della fiducia e dell’ amore a Maria?
Maria Ausiliatrice, Madre della Speranza, PREGHA PER NOI.

QUINTO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

Dalla Lettera a Madre Mazzarello scritta per le missionarie dall’Isola di Flores (Montevideo): "Durante le lunghe notti (Don Costamagna), ha suonato l'armonium e cantava con i clerici: Il Marinaio, l'orfano, ecc. ecc. … Invece noi cantavamo  "Voglio bruciare d’amore", "Chiamando a Maria" ecc., ecc. e talvolta l'Ave Maris Stella, ma con una nuova tonalità insegnata da una signora spagnola, Ernestina, molto religiosa. L’ha anche imparata il direttore e ha detto che è così bella che scriverà la musica e la invierà in Italia».

CON MARIA OGGI
Nell'atto di fiducia a Maria chiederemo per tutti i paesi del mondo, in particolare per coloro che soffrono oggi guerra, catastrofi climatiche, la situazione impotente dei migranti, la violenza scatenata dal traffico di droga, la tratta degli esseri umani, di essere Stella che illumina e dà speranza nelle situazioni difficili che il nostro mondo vive.
Condivideremo un'esperienza significativa che la nostra Ispettoria o la comunità sta facendo a favore di alcune di queste situazioni.
Maria Immacolata Aiuto dei Cristiani: PREGHA PER LORO.




SESTO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

Dalla lettera scritta da Don Costamagna a Madre Mazzarello dall'isola di Flores:
"Dite a tutte le sorelle di venire con piacere in America, ma, prima di togliere la propria volontà, anche in piccole cose. Ogni volta, palpo di più che la Vergine ama molto le sue figlie, ma è necessario, amarla e farle amare".

CON MARIA OGGI
La dimensione missionaria è un elemento fondamentale della nostra identità FMA ed è l'espressione del nostro volto universale, presente sin dalle origini del nostro Istituto.
Guardo la mio cuore missionario: come vivo dalla mia situazione, nella comunità, nel lavoro, questa dimensione evangelizzatrice del carisma? Ricordiamo la testimonianza dei missionari/e che abbiamo incontrato. Condividiamo e Ringraziamo. Ci rinnoviamo nel nostro essere missionarie di speranza e gioia.
Maria Immacolata Aiuto dei Cristiani: PREGHA PER LE MISSIONARIE.

SETTIMO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

Quando la prima comunità missionaria si stabilì finalmente in Villa Colón, la piccola casa era ben lontana dall'essere confortevole, ma custodiva un tesoro: l'immagine dell'Ausiliatrice. Suor Angela Vallese scrive a Don Bosco: "Vi ringraziamo tanto per il quadro di Maria Ausiliatrice che ci ha dato. Se lo vedessi! È qui nella nostra cappella che è così piccola, copre quasi un intero muro". "Nei giorni festivi la nostra cappella, per mancanza di Chiesa in questi luoghi, è piena di persone che vengono a prendere parte alle nostre funzioni. Tutti sono conquistati dal bel quadro di Maria Ausiliatrice e lodando la nostra cara Madre ... "(Dalla cronaca di Villa Colón).

CON MARIA OGGI
Possiamo anche oggi essere missionarie con e come Maria, rafforzando il nostro impegno missionario trovando o visitando qualcuno che attraversa una situazione difficile o dolorosa per portare un po’ di incoraggiamento e di speranza. Se è possibile, condividiamo con lei un'immagine o una medaglia di Maria.
Maria Immacolata Aiuto dei Cristiani: PREGHA PER NOI.

OTTAVO GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

Dalla cronaca del viaggio all'Uruguay di Madre Caterina Daghero - Novembre 1895:
"Non voglio mettere un punto senza mettere in evidenza che qui in America si professa una speciale devozione a Maria Ausiliatrice. Non c'è casa che non abbia la sua statua posta nel cortile".

CON MARIA OGGI
“Fidando nella parola di Don Bosco – E’ Maria che ci guida – coltiveremo per lei un amore riconoscente e filiale e ci impegneremo a trasmetterlo alle giovani. Nella Vergine Immacolata Ausiliatrice, contempleremo la pienezza della donazione a Dio e al prossimo ... Ricorreremo a lei con semplicità e fiducia" (Cost. art 44).
Preghiamo il rosario chiedendo a Maria di guidarci come una buona Madre piena di misericordia.

NONO  GIORNO
CON MARIA, A 140 ANNI

Dal 2012, una bella statua di Maria Ausiliatrice è stata posta sull'isola di Flores, in Uruguay. In memoria delle nostre prime missionarie che CON MARIA, 140 anni fa hanno messo piede in America.
Su quella isola passarono i due quadri benedetti da don Bosco. Da quella isola solitaria e sconosciuta dal tutto il mondo, è ancora presente nei nostri cuori e benedice le generazioni successive che si abbandonano con passione alla missione dell'evangelizzazione.

CON MARIA OGGI
Guardiamo l'Ausiliatrice dell’Isola di Flores  e condividiamo ciò che suggerisce. Lei fu una missionaria con le missionarie. Chiediamo a Maria di intercedere per tutte le future FMA in tutto il mondo, affinché possiamo avere la stessa passione apostolica delle nostre prime sorelle.
Maria Immacolata Aiuto dei Cristiani: PREGA PER LE VOCAZIONI.

Si suggerisce di pregare la seguente e bella preghiera l’8 dicembre, Solennità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, composta da Papa Francesco:

O Maria, Madre nostra Immacolata,
nel giorno della tua festa vengo a Te,
e non vengo solo:
porto con me tutti coloro che il tuo Figlio mi ha affidato,
in questa Città di Roma e nel mondo intero,
perché Tu li benedica e li salvi dai pericoli.

Ti porto, Madre, i bambini,
specialmente quelli soli, abbandonati,
e che per questo vengono ingannati e sfruttati.
Ti porto, Madre, le famiglie,
che mandano avanti la vita e la società
con il loro impegno quotidiano e nascosto;
in modo particolare le famiglie che fanno più fatica
per tanti problemi interni ed esterni.
Ti porto, Madre, tutti i lavoratori, uomini e donne,
e ti affido soprattutto chi, per necessità,
si sforza di svolgere un lavoro indegno
e chi il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo.

Abbiamo bisogno del tuo sguardo immacolato,
per ritrovare la capacità di guardare le persone e le cose
con rispetto e riconoscenza,
senza interessi egoistici o ipocrisie.
Abbiamo bisogno del tuo cuore immacolato,
per amare in maniera gratuita,
senza secondi fini ma cercando il bene dell’altro,
con semplicità e sincerità, rinunciando a maschere e trucchi.
Abbiamo bisogno delle tue mani immacolate,
per accarezzare con tenerezza,
per toccare la carne di Gesù
nei fratelli poveri, malati, disprezzati,
per rialzare chi è caduto e sostenere chi vacilla.
Abbiamo bisogno dei tuoi piedi immacolati,
per andare incontro a chi non sa fare il primo passo,
per camminare sui sentieri di chi è smarrito,
per andare a trovare le persone sole.

Ti ringraziamo, o Madre, perché mostrandoti a noi
libera da ogni macchia di peccato,
Tu ci ricordi che prima di tutto c’è la grazia di Dio,
c’è l’amore di Gesù Cristo che ha dato la vita per noi,
c’è la forza dello Spirito Santo che tutto rinnova.
Fa’ che non cediamo allo scoraggiamento,
ma, confidando nel tuo costante aiuto,
ci impegniamo a fondo per rinnovare noi stessi,
questa Città e il mondo intero.
Prega per noi, Santa Madre di Dio! Amen.


Nessun commento:

Posta un commento