Maria AUSILIATRICE

Maria AUSILIATRICE

sabato 27 febbraio 2016

Catechesi mariane di Giovanni Paolo II

13. "ANNUNCIO DELLA MATERNITA’ MESSIANICA"

Mercoledì, 31 gennaio 1996

1. Trattando della figura di Maria nell’Antico Testamento, il Concilio (Lumen Gentium, 55) fa
riferimento al noto testo di Isaia, che ha attirato in maniera particolare l’attenzione dei primi
cristiani: "Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele" (Is 7,14). Nel
contesto dell’annuncio dell’angelo che invita Giuseppe a prendere con sé Maria, sua sposa, "perché
quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo", Matteo attribuisce un significato cristologico e
mariano all’oracolo. Infatti aggiunge: "Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato
detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà
chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi" (Mt 1,22-23).
2. Tale profezia nel testo ebraico non annuncia esplicitamente la nascita verginale dell’Emmanuele:
il vocabolo usato (almah), infatti, significa semplicemente "una giovane donna", non
necessariamente una vergine. Inoltre, è noto che la tradizione giudaica non proponeva l’ideale della
verginità perpetua, né aveva mai espresso l’idea di una maternità verginale. Nella traduzione greca,
invece, il vocabolo ebraico fu reso col termine "parthenos", "vergine". In questo fatto, che potrebbe
apparire semplicemente una particolarità di traduzione, dobbiamo riconoscere un misterioso
orientamento dato dallo Spirito Santo alle parole di Isaia, per preparare la comprensione della
nascita straordinaria del Messia. La traduzione col termine "vergine" si spiega in base al fatto che il
testo di Isaia prepara con grande solennità l’annuncio del concepimento e lo presenta come un
segno divino (Is 7,10-14), suscitando l’attesa di un concepimento straordinario. Orbene, che una
giovane donna concepisca un figlio dopo essersi unita al marito non costituisce un fatto
straordinario. D’altra parte, l’oracolo non accenna per niente al marito. Una simile formulazione
suggeriva quindi l’interpretazione data poi nella versione greca.
3. Nel contesto originale, l’oracolo di Is 7, 14 costituiva la risposta divina a una mancanza di fede
del re Achaz, il quale, dinanzi alla minaccia di una invasione degli eserciti dei re vicini, cercava la
salvezza sua e del suo regno nella protezione dell’Assiria. Nel consigliargli di riporre la fiducia
soltanto in Dio, rinunciando al temibile intervento assiro, il profeta Isaia lo invita da parte del
Signore a un atto di fede nella potenza divina: "Chiedi un segno dal Signore tuo Dio...". Al rifiuto
del re, che preferisce cercare la salvezza nei soccorsi umani, il profeta pronuncia il celebre oracolo:
"Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta di stancare la pazienza degli uomini, perché ora vogliate
stancare anche quella del mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine
concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele" (Is 7,13-14). L’annuncio del segno
dell’Emmanuele, "Dio-con-noi", implica la promessa della presenza divina nella storia che troverà
pienezza di significato nel mistero dell’Incarnazione del Verbo.
4. Nell’annuncio della nascita prodigiosa dell’Emmanuele, l’indicazione della donna che concepisce
e partorisce mostra una certa intenzione di associare la madre al destino del figlio un principe
destinato a stabilire un regno ideale, il regno "messianico" e fa intravedere un disegno divino
particolare, che pone in evidenza il ruolo della donna. Il segno, infatti, non è soltanto il bambino,
ma il concepimento straordinario, rivelato poi nel parto stesso, evento pieno di speranza, che
sottolinea il ruolo centrale della madre. L’oracolo dell’Emmanuele va compreso, inoltre, nella
prospettiva aperta dalla promessa rivolta a David, promessa che si legge nel secondo Libro di
Samuele. Qui il profeta Natan promette al re il favore divino per il suo discendente: "Egli edificherà
una casa al mio nome e io renderò stabile per sempre il trono del suo regno. Io gli sarò padre ed egli
mi sarà figlio" (2Sam 7,13-14). Nei confronti della stirpe davidica, Dio vuole assumere un ruolo
paterno, che manifesterà il suo pieno ed autentico significato nel Nuovo Testamento, con
l’incarnazione del Figlio di Dio nella famiglia di Davide (cf. Rm 1,3).
5. Lo stesso profeta Isaia, in un altro testo molto conosciuto, ribadisce il carattere eccezionale della
nascita dell’Emmanuele. Ecco le sue parole: "Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio.
Sulle sue spalle è il segno della sovranità ed è chiamato: Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre
per sempre, Principe della pace" (9, 5). Il profeta esprime così, nella serie di nomi dati al bambino,
le qualità del suo compito regale: sapienza, potenza, benevolenza paterna, azione pacificatrice. La
madre qui non è più indicata, ma l’esaltazione del figlio, che porta al popolo tutto ciò che può essere
sperato nel regno messianico, si riversa anche sulla donna che lo ha concepito e partorito.
6. Anche un famoso oracolo di Michea allude alla nascita dell’Emmanuele. Dice il profeta: "E tu,
Betlemme di Efrata, così piccola per essere fra i capoluoghi di Giuda, da te mi uscirà colui che deve
essere il dominatore in Israele; le sue origini sono dall’antichità, dai giorni più remoti. Perciò Dio li
metterà in potere altrui fino a quando colei che deve partorire partorirà..." (Mi 5,1-2). In queste
parole risuona l’attesa di un parto ricolmo di speranza messianica, nel quale si evidenzia, ancora
una volta, il ruolo della madre, esplicitamente ricordata e nobilitata dal mirabile evento che reca
gioia e salvezza.
7. La maternità verginale di Maria è stata preparata in un modo più generale dal favore concesso da
Dio agli umili e ai poveri (cf. Lumen Gentium, 55). Questi, ponendo ogni loro fiducia nel Signore,
anticipano col loro atteggiamento il significato profondo della verginità di Maria, che, rinunciando
alla ricchezza della maternità umana, ha atteso da Dio tutta la fecondità della propria vita. L’Antico
Testamento non contiene, dunque, un annuncio formale della maternità verginale, rivelata
pienamente solo dal Nuovo Testamento. Tuttavia l’oracolo di Isaia (Is 7,14) prepara la rivelazione
di questo mistero ed è stato precisato in questo senso nella traduzione greca dell’Antico
Testamento. Citando l’oracolo così tradotto, il Vangelo di Matteo ne proclama il perfetto
adempimento per mezzo del concepimento di Gesù nel grembo verginale di Maria.

Nessun commento:

Posta un commento